FOCUS 01/2017

Evoluzione + rivoluzione = XTRA



SIPA ha recentemente introdotto un nuovo concetto di soffiatrice rotativa alla Drinktec di Monaco. Si chiama XTRA e combina l'evoluzione tecnologica con la rivoluzione produttiva. Nessuna altra macchina sul mercato oggi è così veloce.
XTRA e' la soffiatrice della sua classe che unisce, per la prima volta, caratteristiche utili a massimizzare le performance e a ridurre del 25% il Total Cost of Ownership: bhc più alto del settore, ampio angolo di processo, riduzione dei consumi, flessibilità, facilità d’uso e compatibilità con altre macchine.

La produttività più alta della gamma
Arriva a 200° l’angolo attivo di processo della nuova XTRA, un valore che supera del 15% gli standard di mercato attuale e consente di produrre bottiglie di eccellente qualità, anche a velocità elevate. Un ampio angolo di processo, infatti, consente di avere 0,8 secondi di aria ad alta pressione e quindi di poter produrre contenitori, anche i più complessi, con estrema accuratezza senza stressare la macchina.
"Con questo nuovo design, i produttori possono aumentare la velocità di produzione senza compromettere la qualità della bottiglia", afferma Paolo De Nardi, Product Manager SBM di SIPA. "Hanno anche la possibilità di mantenere alta la loro produttività utilizzando una macchina con meno cavità rispetto a prima, risparmiando sull’investimento e anche nel tempo necessario per il cambio formato".

Risparmio energetico
La produzione di ogni bottiglia con XTRA richiede il 25% in meno di energia, rispetto ai precedenti sistemi SFR. I forni di riscaldamento sono stati progettati per consentire il risparmio energetico anche nella produzione di bottiglie con geometrie complicate. Inoltre, il nuovo blocco di soffiaggio mantiene al minimo il volume nocivo e il sistema di recupero dell'aria per il pre- soffiaggio e soffiaggio intermedio consente di migliorare la gestione dell'aria complessiva.
Il nuovo sistema può produrre bottiglie di alta qualità di qualsiasi dimensione compresa tra 0,2 e 3,5 litri, utilizzando la stessa pressa di soffiaggio, per produrre una vasta gamma di formati per diverse applicazioni. Oggi inoltre, con XTRA, è ancora più facile l’integrazione a monte e a valle, per l’assemblaggio di linee complete di produzione e riempimento, con tecnologia XTREME RENEW a monte e riempitrici a valle.

Facilità d'uso
XTRA ha un'interfaccia innovativa che la rende molto facile all’uso per operatori a tutti i livelli. "La buona accessibilità è essenziale oggi", afferma Paolo De Nardi. "Abbiamo sviluppato un HMI particolarmente intuitivo, in modo che l'operatore possa regolare rapidamente e in modo sicuro parametri importanti. È inoltre particolarmente chiara la guida sulle procedure di manutenzione ".
La facilità d'uso è inoltre evidente nei cambi formato. XTRA è dotata di un sistema rapido di cambio stampo, di facile accesso e che richiede l’uso di alcun utensile. In questa macchina e’ incluso anche un sistema di cambio rapido del collo”.

Versatilità
Uno degli elementi distintivi di XTRA è la sua flessibilità. Può, ad esempio, produrre bottiglie per il riempimento caldo e freddo, con un semplice cambio stampo, senza alcuna riduzione delle prestazioni o nessuna modifica importante al sistema. Il forno può essere configurato per ospitare diverse dimensioni del collo (28/38 mm). La pressa di soffiaggio e’ dotata di due aperture: una piccola, per produrre i contenitori fino a 1,5 litri e una più grande, per le bottiglie fino ai tre litri e mezzo. Questo consente di ottenere il migliorie tempo ciclo, indipendentemente dalla dimensione della bottiglia prodotta.

Architettura aperta
XTRA si basa su un'architettura tecnologica che la rende completamente aperta. Ciò significa che può ad esempio essere completamente integrata con il sistema di produzione preforme XTREME di SIPA per creare un sistema completo ICSBM (dal pellet alla bottiglia) che opera con il minimo consumo di energia e la massima efficienza.

Manipolazione sicura
XTRA è veloce, essenziale ma delicata. Sono stati ottimizzati tutti i movimenti meccanici all'interno della macchina per garantire una gestione delle preforme solida e una presa delicata ma sicura delle bottiglie. L'utilizzo di pinze "attive" consente una gestione delicata dei colli, mentre l'ultima generazione delle aste di stiro elettriche consente di ottimizzare la distribuzione del materiale lungo la bottiglia.

SIPA prevede di sviluppare la gamma completa di XTRA nei prossimi mesi.