L'EDITORIALE 01/2015

"Non abbiamo ereditato questo mondo dai nostri genitori, l’abbiamo preso in prestito dai nostri figli”.

Recentemente ho avuto l'opportunità di visitare l'Expo 2015 Esposizione Universale di Milano. Questo enorme evento, che ha visto la partecipazione di 145 paesi del mondo, ha quest'anno come tema "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita ". Girando tra i padiglioni, mi ha colpito una citazione stampata sulle pareti del padiglione irlandese: "Non abbiamo ereditato questo mondo dai nostri genitori, l’abbiamo preso in prestito dai nostri figli”.

Un giorno lo dovremo ritornare a loro. Quando lo faremo, dovrebbe essere altrettanto splendido come lo abbiamo trovato noi. "Credo che ognuno di noi ha l'obbligo di onorare questo principio. Qualsiasi genitore, potrebbe chiedersi come può agire per preservare e proteggere questo fragile pianeta per le generazioni a venire. Spesso il sistema industriale è visto come una forza negativa e la tecnologia come un agente di alienazione.
Dobbiamo contrastare questo concetto: dobbiamo sfruttare l'industria e la tecnologia per migliorare il nostro ambiente, non danneggiarlo. L’industria dell’imballaggio è una spada a doppio taglio.
Si parla tanto di come imballaggi gettati indiscriminatamente stiano danneggiando le nostre campagne e oceani, e in che modo l'eccesso di imballaggio sia dannoso per le risorse del pianeta. Siamo nel settore del packaging sappiamo che i rifiuti sono più un problema di scarsa educazione (e attività criminali) quindi dobbiamo contrastare eventuali argomenti che portano il pubblico a pensare all’imballaggio in modo negativo.

Un modo per farlo è quello di dimostrare i numerosi vantaggi ambientali offerti dalla tecnologia di produzione dei contenitori in PET. Sappiamo tutti che con la caduta del prezzo del petrolio, così come con la crescita delle capacità produttive globali, il PET è molto meno costoso di quanto non fosse. Il petrolio a buon mercato ha portato alcune persone a prestare meno attenzione all’alleggerimento, ma questo è un errore. La necessità di alleggerimento è altrettanto importante ora come non mai, anzi probabilmente più. E SIPA prevede di rimanere all'avanguardia degli sforzi per ridurre il peso degli imballaggi in PET.
In SIPA stiamo cercando modi nuovi e migliori per aumentare l'utilizzo e il valore intrinseco degli imballaggi in PET. In questa edizione del SIPA MAGAZINE, abbiamo messo in evidenza nuove applicazioni per PET e come SIPA sia attivamente alla ricerca di nuovi modi per coprire queste nicchie di mercato. Guardiamo ai numerosi clienti in tutto il mondo che stanno utilizzando le tecnologie SIPA per creare nuovi e migliori prodotti di consumo.

Consideriamo anche le nuove idee che abbiamo sviluppato in SIPA per estendere l'uso di imballaggi in PET in nuove aree che riteniamo possano offrire nuove opportunità per i nostri clienti, migliorare l’esperienza del consumatore creando soluzioni di packaging avanzate.
Vediamo il crescente interesse, per esempio, nelle bottiglie collassabili in PET superleggere per i dispenser di acqua minerale e vediamo come SIPA stia utilizzando la sua esperienza nella progettazione per aiutare i clienti a creare queste bottiglie che si ripiegano su se stesse quando sono vuote, risparmiando spazio prezioso quando il loro utilizzo volge al termine.

Abbiamo lavorato per migliorare la comprensione del flusso di PET che ha portato ad una nuova generazione di stampi che aiutano i clienti ad aumentare l'efficienza dei processi. Guardiamo anche al crescente interesse per la produzione di bevande gassate privo di conservanti.
Abbiamo lavorato per creare nuovi contenitori che combinino la migliore estetica con la massima funzionalità e abbiamo trovato nuovi modi per migliorare i nostri sistemi di produzione per ridurre al minimo l’impatto ambientale dei nostri processi e dei prodotti che facciamo. Citando una frase che è un po’ logora diremmo "less is more".
Credo che SIPA abbia trovato un buon modo per raggiungere questi obiettivi con nuovi sviluppi che aiutano i nostri clienti a raggiungere un importante risparmio nei servizi. I nostri sistemi di produzione preforme XFORM, per esempio, sono leader in efficienza energetica; i nostri sistemi di stiro-soffiaggio SFR EVO3 utilizzano molto meno aria ad alta pressione rispetto ai sistemi precedenti e lavorano con forni a risparmio energetico; con la nostra tecnologia X-Mould è possibile creare preforme ultraleggere che consentono di risparmiare notevoli quantità di energia durante la lavorazione e la nostra tecnologia XTREME di inietto-compressione è un altro importante passo verso sistemi ad alto risparmio energetico. Lungo tutta la catena produttiva vi è una forte necessità di sviluppare e investire in nuove e più convenienti tecnologie di processo a basso impatto che andrnno a beneficio dei consumatori e, alla fine, dell'ambiente. Mostriamo ai nostri figli, e ai figli dei nostri figli, che siamo in grado di sviluppare e utilizzare la tecnologia, non solo fine a se stessa, ma per il bene di tutti noi.

Enrico Gribaudo
SIPA General Manager