SGUARDI TECNICI
01/2015

SISTEMI DI PRODUZIONE PREFORME SERIE XFORM 500.
E' disponibile la nuova generazione.

SIPA ha introdotto ulteriori sviluppi nell'automazione del sistema per la produzione di preforme XFORM 500. Questi miglioramenti aiuteranno i converters ad aumentare la produttività oltre i (già alti) livelli possibili con XFORM 500.
Il sistema, che accetta stampi fino a 144 cavità, ha rapidamente guadagnato apprezzamento nel mercato per la sua affidabilità, flessibilità e redditività complessiva.

XFORM 500 è stata lanciata alla fiera NPE 2012 di Orlando in Florida e si posiziona oggi tra i sistemi leader in termini di velocità, con un tempo di ciclo di 1,6 secondi a secco. Molte macchine sono in funzione presso clienti in tutto il mondo. Alcuni sistemi venduti di recente montano stampi 144 cavità e sono installati in America Latina, Nord Africa e Asia centrale.

SIPA è tra un gruppo esiguo di fornitori globali che offrono i sistemi ad per preforme ad elevata cavitazione. Molte meno aziende sono anche in grado di produrre gli stampi da montare nelle proprie macchine. SIPA è tra questi, essendo uno dei principali produttori di stampi PET per preforme in tutto il mondo.

L’evoluzione della gamma

Converters e produttori di bevande possono oggi beneficiare della XFORM 500 nella sua versione EVO. La macchina presenta un nuovo robot di raffreddamento ad alta velocità che fornisce un raffreddamento più efficace del corpo preforma e del collo, contribuendo a ridurre i tempi di ciclo, migliorando costanza dimensionale nel prodotto. Questo sistema di raffreddamento ottimizzato è particolarmente efficace in preforme con pareti più spesse.
La mano di presa (EOAT) può essere configurata con tre o quattro stadi di raffreddamento e funziona senza le fotocellule normalmente installate nelle mano di presa standard che tipicamente allungano i tempi di manutenzione. Questo perché il nuovo disegno incorpora comunicazioni molto più veloci che permettono di controllare il tubo di raffreddamento mentre la mano di presa si muove. Il nuovo robot EVO accetta anche modelli di EOATs precedenti, aumentando ulteriormente la flessibilità della macchina ed eliminando costi aggiuntivi per l'utente.

I costi di gestione della XFORM 500 EVO sono i più convenienti della sua categoria.L'investimento iniziale e' particolarmente basso per i converters con un parco stampi esistente. Bassa manutenzione, alta efficienza e consumo di acqua inferiore alla concorrenza, contribuiscono a ridurre al minimo i costi di gestione. L’usura dello stampo è esigua, grazie a caratteristiche quali la robusta costruzione pressa a doppia ginocchiera e la sua distribuzione uniforme della forza di apertura/chiusura: diversi stampi in produzione presso i nostri clienti sono, infatti, andati ben oltre i 10 milioni di cicli su questa piattaforma senza necessità di manutenzione. I piani pressa sono progettati per ottenere una flessione estremamente bassa. Minima usura dello stampo garantita, grazie alla perfetta distribuzione del tonnellaggio. La XFORM EVO viene equipaggiata con il più avanzato sistema di protezione stampo disponibile sul mercato. L’ampia luce colonne consente un accesso eccellente per un cambio stampo più rapido e semplice, dettaglio particolarmente apprezzato dagli operatori.


XFORM EVO ha la configurazione classica della vite di estrusione che alimenta il clindro di iniezione. L’estrusore è azionato elettricamente e la macchina può gestire l’utilizzo di PET riciclato (flakes) fino al 50%, senza alcuna modifica al gruppo di plastificazione standard. La XFORM 500 può montare 2 design della vite: 120 mm, nominalmente 850 kg/h (bassa viscosità intrinseca IV) e 140 mm, nominalmente 1,300 kg/h (bassa viscosità intrinseca IV).