SIPA NEL MONDO 01/2017

Sistemi monostadio SIPA per Howard Packaging



SIPA sta collaborando con il noto produttore di contenitori americano, Howard Packaging, nella sua conversione da PVC a PET. Howard produce infatti una vasta gamma di bottiglie per olio motore tramite estrusione e ha iniziato con successo a produrre gli stessi contenitori in PET con tecnologia monostadio di SIPA.
Il PET è gia’ampiamente utilizzato per l'imballaggio dell'olio da cucina e Howard Packaging è una delle prime aziende a convertirsi al PET per la produzione di bottiglie di olio motore. L'azienda, con sede a Corydon, Indiana, ha acquistato un paio di anni fa il suo primo sistema monostadio ECS SP 80, per la produzione di bottiglie in formati da 16 a 64 oz. L’azienda, che pensa oggi all'introduzione di formati più piccoli (5 oz.) e più grandi (96 oz.), sta ora considerando l'acquisto di una seconda macchina ECS SP 80.
L'azienda, e’ fornitore esclusivo di Lucas Oil, leader mondiale di lubrificanti ad alte prestazioni, che ha un grande stabilimento a Corydon. Steve Hawkins, Maintenance Purchasing Manager di Howard Packaging, rivela che la società è molto soddisfatta del passaggio alle bottiglie in PET. "I nostri clienti vedono favorevolmente il PET rispetto ad altri materiali. Il PET, inoltre, assicura un ambiente di lavoro più sano per i nostri operatori rispetto al PVC”.
"Il sistema monostadio per PET è anche più facile da manutenere, poiché il polimero ha meno impatto sull’acciaio. Possiamo anche gestirlo con meno persone. Inoltre, le bottiglie di PET sono più leggere della versione in PVC. Vi e’ quindi risparmio sul materiale, hanno un aspetto migliore e forniscono risultati di gran lunga superiori nei test di caduta - cosa particolarmente importante nel nostro settore!
Il PET offre più libertà nella progettazione di forme differenti rispetto ai materiali alternativi con stampa di loghi e incisioni molto più nitide e accurate. Le bottiglie in PET hanno anche una ottima tenuta, grazie alla maggiore precisione nella formazione dei colli.
Ci sono ulteriori vantaggi nel passaggio da estrusione-soffiaggio a monostadio, osserva Hawkins. "Non abbiamo più bisogno di una smerigliatrice per eliminare sbavature su colli e i fondi, quindi abbiamo rimosso un'altra spesa oltre che una fonte di polvere che si diffonde nell’ambiente. Il sistema SIPA è anche più efficiente dal punto di vista energetico e il processo ISBM è molto stabile ".
Steve inoltre elogia SIPA per la sua presenza locale. "C'è un service manager che possiamo sempre chiamare per interventi rapidi ed precisi. Abbiamo avuto un buon supporto tecnico per settare il processo ottimale per le nostre bottiglie", dice. Oltre a questo, il tempo richiesto per la riparazione degli stampi è breve, grazie al servizio di riparazione e refurbishing di SIPA negli Stati Uniti.
Per testare il mercato delle bottiglie di olio motore in PET, SIPA ha prodotto in precedenza una serie di prototipi in varie forme e dimensioni. "Abbiamo voluto dimostrare che con il sistema monostadio, proprio come con l’estrusione-soffiaggio di altri materiali plastici, non esiste alcun problema nella produzione di una bottiglia asimmetrica con forma rettangolare o ovale, con il collo al centro o offset", affermano Paolo Barbaro e Giorgio Gasparini , responsabili del progetto di sviluppo in SIPA. Infatti, Howard Packaging produce contenitori quadrati e rotondi, con collo al centro e offset.
Il key account per Howard, Gladson Remos, afferma che Howard Packaging è soddisfatto del sostegno della SIPA. Vede favorevolmente la vendita di altri sistemi ECS SP in un prossimo futuro.
Howard Packaging, azienda privata, produce contenitori di alta qualità in diverse materie plastiche, offrendo ai propri clienti nei mercati dell’automotive e industriale, soluzioni progettate per soddisfare le loro specifiche esigenze. Lo stabilimento produttivo di 100.000 ft2 (9300 m2) nel sud dell'Indiana è in posizione centrale e strategica per servire gli stati circostanti.
Il proprietario della società, Robert Howard, è nel settore delle materie plastiche da quasi quarant'anni. Durante i suoi anni precedenti nell'industria chimica, ha stabilito numerose relazioni non solo con clienti, ma anche con fornitori e concorrenti. Utilizzando tali rapporti, dopo aver fatto ulteriori esperienze, acquisendo conoscenze e consulenze esterne, decise di passare alla produzione di quei contenitori che fino ad allora acquistava.