SOSTENIBILITÀ
01/2019

Valutazioni su XTREME Renew: risultati del Life Cycle Assessment

Negli ultimi tempi il packaging in plastica è diventato meno popolare presso il grande pubblico. Siamo oggi tutti consapevoli del danno che sta subendo il pianeta a causa dello smaltimento irresponsabile di imballaggi in plastica usati (e talvolta inutilizzati). Finisce per le strade, nei campi, nei fiumi, e infine negli oceani. Le microplastiche, il risultato del degrado delle materie plastiche nell'ambiente nel corso degli anni, stanno crescendo ovunque. E gran parte della colpa viene attribuita all'industria delle materie plastiche. Tra le richieste giustificate per un maggiore riutilizzo, recupero e riciclaggio degli imballaggi in plastica, vi sono anche misure per ridurre del tutto gli imballaggi in plastica e sostituirli con materiali più tradizionali: carta, cartone, vetro e metalli. Dopo anni di oscillazione a favore della plastica, ora sembra che il favore del pubblico sia destinato a calare inesorabilmente. Potrebbe, però, essere un grosso errore. Le materie plastiche in generale, e il PET in particolare, se prodotti e utilizzati in modo responsabile, sono spesso l'opzione numero uno per un packaging sostenibile.

LA PLASTICA BATTE IL VETRO E IL METALLO IN MOLTI MODI
I vantaggi fondamentali in termini di impatto ambientale per gli imballaggi in plastica rispetto alle alternative sono abbastanza chiari. Ad esempio, è necessaria molta meno energia per produrre unità di uguali dimensioni rispetto all'alluminio o al vetro, molta meno acqua viene consumata nella loro produzione e nel processo viene prodotta molta meno anidride carbonica. Gli imballaggi in plastica monouso (SUP), molto criticati, come quelli utilizzati per frutta e verdura, possono ridurre il peso degli imballaggi in transito, riducendo così le emissioni di carburante dei camion e quindi migliorando l'igiene e riducendo gli sprechi alimentari nei negozi. Gli studi hanno anche dimostrato che se gli imballaggi in plastica dovessero essere sostituiti da altri materiali, il consumo complessivo degli imballaggi, energia e gas serra (GHG) aumenterebbe. In uno studio1 commissionato da Plastics Europe diversi anni fa, i ricercatori hanno concluso che "i prodotti in plastica utilizzati oggi sul mercato consentono un notevole risparmio di energia e gas serra (...) l'uso di materie plastiche per l'isolamento termico, l'imballaggio alimentare o per produrre energia rinnovabile portano straordinari vantaggi . "

COSTI AMBIENTALI MOLTO INFERIORI
Tre anni fa, uno studio2 preparato per l'American Chemistry Council (ACC) ha rilevato che il costo ambientale dell'uso di imballaggi in plastica per beni di consumo è quasi quattro volte inferiore qua quello dell'utilizzo di materiali alternativi. Lo studio si basa su metodi di contabilità del capitale naturale, che misurano e valorizzano gli impatti ambientali, come il consumo di acqua naturale e le emissioni nell'aria, nella terra e nell'acqua. Più di recente, un altro studio ACC3 ha concluso che la sostituzione della plastica con materiali alternativi nell'imballaggio causerebbe un aumento del consumo di energia, del consumo di acqua e dei rifiuti solidi, nonché un aumento delle emissioni di gas a effetto serra (GHG), dell'acidificazione, dell'eutrofizzazione e dell'esaurimento dell'ozono. Il rapporto si concentrava su sei categorie di imballaggi: tappi, contenitori per bevande, film estensibile e termoretraibile, borse di plastica, altri imballaggi rigidi e altri imballaggi flessibili.

SOLUZIONI PER IL FINE VITA
"I risultati sfidano le comuni percezioni errate sulla plastica e sottolineano che la plastica è un materiale versatile ed efficiente che sta aiutando a risolvere alcune delle nostre maggiori sfide ambientali", afferma Steve Russell, vice presidente della sezione plastica nel American Chemistry Council. "Tuttavia, non possiamo contare su tutti i vantaggi se non lavoriamo per migliorare il fine vita dei packaging. Vogliamo tutti un mondo senza inquinamento da plastica, ma non vorremmo un mondo senza plastica". In Europa, la European PET Bottle Platform è un'iniziativa volontaria dell'industria che fornisce linee guida per la progettazione di bottiglie in PET, per il riciclaggio, valutazione di soluzioni e tecnologie per la produzione delle bottiglie in PET e facilitazione della comprensione degli effetti sui processi di riciclaggio. Sottolinea che il PET è il materiale di imballaggio in plastica più riciclato in Europa. Nel 2017 sono stati raccolti 1923 milioni di tonnellate di bottiglie in PET per il riciclaggio, osservando che il tasso di riciclaggio della resina in PET nel 2017 era di quasi il 58,2%. È un dato abbastanza buono, ma ovviamente potrebbe essere migliore. In collaborazione con lo specialista della tecnologia per il riciclaggio Erema, SIPA sta lavorando per aumentare questi numeri.

INTEGRAZIONE DI RICICLAGGIO E PRODUZIONE PREFORME
XTREME Renew combina, in un unico impianto integrato, il sistema Vacurema di Erema, che produce un flusso continuo di PET, pre-essiccato, decontaminato, filtrato e regolato per iniezione proveniente da flakes con il rivoluzionario sistema di inietto-compressione XTREME di SIPA. SIPA ha effettuato un Life Cycle Assessment (LCA) sul processo XTREME Renew, quindi può confrontare quantitativamente il suo potenziale impatto ambientale nella produzione di preforme dal 100% (rPET) con un processo tradizionale per la produzione di preforme in PET da materiale vergine (utilizzando un SIPA XFORM sistema di iniezione tradizionale). I risultati sono stati verificati in modo indipendente da un ente terzo. Il life cycle assesment ha considerato il contributo di emissioni nella produzione della materia prima, il trasporto della materia prima, la produzione delle bottiglie e la costruzione dell'impianto. Ha dimostrato che il potenziale di di emissioni di XTREME Renew è inferiore del 79% - 0,74 kg di CO2 equivalente per ogni kg di preforme prodotte, rispetto a 3,50 kg del sistema tradizionale. Confrontando il processo XTREME Renew con un processo tradizionale per la produzione di bottiglie in PET da rPET, che utilizza granuli derivanti da scaglie, la differenza era di un buon 18%. XTREME Renew è già utilizzato dal colosso dell'alimentare e delle bevande Suntory per ridurre la sua dipendenza dal PET vergine. La società giapponese prevede di aumentare molto presto il numero di macchine in produzione. La speranza è che altre aziende in tutto il mondo approfittino dei vantaggi di XTREME Renew nel prossimo futuro. 1. The impact of plastic packaging on life cycle energy consumption and greenhouse gas emissions in Europe; Bernd Brandt and Harald Pilz 2. Plastics and Sustainability: A Valuation of Environmental Benefits, Costs, and Opportunities for Continuous Improvement 3. Life Cycle Impacts of Plastic Packaging Compared to Substitutes in the United States and Canada: Theoretical Substitution Analysis