NEWS 14/02/2019

SIPA traccia una linea retta verso l'economia circolare

Il packaging in plastica è arrivato ad un punto critico della sua storia. Mai prima d'ora si è parlato così tanto di ridurre o addirittura di porre fine all'uso della plastica per confezionare alimenti e bevande.
Nel nostro settore sappiamo che questi materiali offrono grandi vantaggi grazie alla loro capacità di mantenere freschi gli alimenti, ridurre il consumo di energia nel trasporto e nella movimentazione e aumentare la sicurezza d’uso. I grafici, però, che mostrano il terribile risultato del gettare irresponsabilmente e irragionevolmente le confezioni in plastica (enormi isole galleggianti di plastica nei nostri mari, spiagge desolate e campagne piene di rifiuti, sofferenza della fauna selvatica e così via) stanno portando ad una ripercussione pubblica. Si pensa con nostalgia ai giorni in cui le confezioni rigide erano tutte in vetro e metallo e alcuni supermercati stanno già introducendo quelli che chiamano corsie "prive di plastica". Ma l’atteggiamento "lontano dagli occhi, lontano dal cuore" trascura un fattore: anche le confezioni di metallo e di vetro vengono gettate, ma nei nostri oceani queste vanno a fondo e non galleggiano. Quindi non si vedono.

Anche la legislazione sta cambiando la compagine generale. La Commissione europea afferma che la sua prima strategia europea in tema di materie plastiche in un'economia circolare, adottata all'inizio di quest'anno, trasformerà il modo in cui i prodotti in plastica sono progettati, utilizzati, prodotti e riciclati nell'UE. "Fornirà un maggiore valore aggiunto per un settore della plastica più competitivo e resiliente", afferma la Commissione. "Una migliore progettazione dei prodotti in plastica, percentuali più elevate di riciclaggio dei rifiuti di plastica, e una migliore qualità dei materiali riciclati contribuirà a stimolare il mercato delle materie plastiche riciclate". Secondo i nuovi piani, tutti gli imballaggi in plastica nel mercato Europeo saranno riciclabili entro il 2030 e il consumo di plastica monouso sarà ridotto.

Cercando di anticipare il gioco, al World Economic Forum di Davos dello scorso gennaio, 40 delle più grandi aziende del mondo hanno concordato di elaborare metodi più puliti per produrre e consumare la plastica. Aziende tra le quali Unilever e Procter & Gamble si sono impegnate ad aumentare il riciclaggio e a ridurre l'uso in generale, con Unilever che avrebbe garantito che tutti i suoi imballaggi in plastica fossero completamente riutilizzabili, riciclabili o compostabili entro il 2025. Allo stesso meeting, la Ellen MacArthur Foundation ha assegnato $ 1 milione a cinque nuove soluzioni di packaging flessibile, riciclabile e compostabile destinate a impedire che le materie plastiche diventino rifiuti.

Oggi, però, troppa dell’economia circolare è ancora teoria. Molti dei suoi concetti sono in gran parte non sperimentati. Solo mettendoli in pratica scopriremo quanto sono realistici e come possono essere migliorati per situazioni di vita reale.
SIPA può essere orgogliosa al riguardo. Per molto tempo, l'azienda ha lavorato, da sola e assieme a partners, per sviluppare tecnologie di produzione di contenitori in PET e nuovi design che riducano al minimo l'uso di materia prima ed energia.


SIPA apripista con XTREME Renew

Lo scorso novembre SIPA ha siglato un accordo con il Ministero dell'Ambiente italiano per la riduzione delle emissioni e il miglioramento dell'efficienza energetica nell'ambito delle proprie attività produttive.
In base all'accordo, SIPA analizzerà e migliorerà la sostenibilità di tutte le sue operazioni, identificando le procedure per la gestione ambientale dei prodotti e dei processi utilizzando la valutazione del ciclo di vita e l'identificazione della misura per ulteriori miglioramenti e misure di ottimizzazione in conformità con le norme ISO 14040.
SIPA è la prima azienda nel suo settore a impegnarsi in un progetto completo e coerente per la riduzione del suo impatto ambientale.
Dice Gianfranco Zoppas, proprietario di SIPA e presidente di Zoppas Industries: "Questa è una conferma del nostro impegno a coniugare sostenibilità ambientale e sviluppo economico. Crediamo fermamente che i produttori possano contribuire a fornire un mondo migliore alle generazioni future. "


Bottle-to-bottle

L'accordo nasce dalla recente introduzione di XTREME Renew, il primo sistema integrato al mondo per la produzione di preforme contenenti il 100% di PET riciclato, ma con la stessa qualità delle preforme in PET vergine. XTREME Renew è stato sviluppato in collaborazione con EREMA, la società austriaca specializzata in tecnologie di riciclaggio delle materie plastiche. "XTREME Renew consente di attuare i principi dell'economia circolare", afferma Zoppas.
XTREME Renew è la combinazione sinergica di due innovazioni già di successo: Erema's Vacurema e XTREME di SIPA. Rispetto ai sistemi alternativi per il riciclo di bottiglie in PET usate, utilizza meno energia, crea meno CO2 e costa meno. Un motivo fondamentale è che l'unità XTREME è in grado di elaborare il PET direttamente dal sistema di riciclaggio Vacurema in forma di flakes. Non è necessario trasformare il materiale riciclato in granuli che altrimenti dovrebbero essere raffreddati e quindi riscaldati.
Vacurema utilizza tecnologie innovative per produrre flakes di PET riciclato (rPET) eccezionalmente pulite e ideali per produrre contenitori per alimenti e bevande. In un processo continuo completamente integrato, completamente automatizzato, il materiale fuso va ad alimentare direttamente il rivoluzionario sistema di inietto- compressione rotativa XTREME di SIPA per la produzione di preforme leggere ad alta velocità e ad alta efficienza. Le preforme possono essere più leggere del 10% rispetto alle preforme prodotte su sistemi di produzione a iniezione tradizionali. Il sistema XTREME non è l'unico tra le tecnologie SIPA a essere in grado di elaborare materiale PET riciclato. Anche il sistema XFORM per la produzione di preforme che utilizza un sistema di iniezione più convenzionale può funzionare con il 100% di rPET. XFORM è noto per il suo alto livello di efficienza energetica, nonché per la sua robustezza e versatilità nel poter accettare stampi esistenti di tutti i principali fornitori sul mercatoIl packaging in plastica è arrivato ad un punto critico della sua storia. Mai prima d'ora si è parlato così tanto di ridurre o addirittura di porre fine all'uso della plastica per confezionare alimenti e bevande.
Nel nostro settore sappiamo che questi materiali offrono grandi vantaggi grazie alla loro capacità di mantenere freschi gli alimenti, ridurre il consumo di energia nel trasporto e nella movimentazione e aumentare la sicurezza d’uso. I grafici, però, che mostrano il terribile risultato del gettare irresponsabilmente e irragionevolmente le confezioni in plastica (enormi isole galleggianti di plastica nei nostri mari, spiagge desolate e campagne piene di rifiuti, sofferenza della fauna selvatica e così via) stanno portando ad una ripercussione pubblica. Si pensa con nostalgia ai giorni in cui le confezioni rigide erano tutte in vetro e metallo e alcuni supermercati stanno già introducendo quelli che chiamano corsie "prive di plastica". Ma l’atteggiamento "lontano dagli occhi, lontano dal cuore" trascura un fattore: anche le confezioni di metallo e di vetro vengono gettate, ma nei nostri oceani queste vanno a fondo e non galleggiano. Quindi non si vedono.

Anche la legislazione sta cambiando la compagine generale. La Commissione europea afferma che la sua prima strategia europea in tema di materie plastiche in un'economia circolare, adottata all'inizio di quest'anno, trasformerà il modo in cui i prodotti in plastica sono progettati, utilizzati, prodotti e riciclati nell'UE. "Fornirà un maggiore valore aggiunto per un settore della plastica più competitivo e resiliente", afferma la Commissione. "Una migliore progettazione dei prodotti in plastica, percentuali più elevate di riciclaggio dei rifiuti di plastica, e una migliore qualità dei materiali riciclati contribuirà a stimolare il mercato delle materie plastiche riciclate". Secondo i nuovi piani, tutti gli imballaggi in plastica nel mercato Europeo saranno riciclabili entro il 2030 e il consumo di plastica monouso sarà ridotto.

Cercando di anticipare il gioco, al World Economic Forum di Davos dello scorso gennaio, 40 delle più grandi aziende del mondo hanno concordato di elaborare metodi più puliti per produrre e consumare la plastica. Aziende tra le quali Unilever e Procter & Gamble si sono impegnate ad aumentare il riciclaggio e a ridurre l'uso in generale, con Unilever che avrebbe garantito che tutti i suoi imballaggi in plastica fossero completamente riutilizzabili, riciclabili o compostabili entro il 2025. Allo stesso meeting, la Ellen MacArthur Foundation ha assegnato $ 1 milione a cinque nuove soluzioni di packaging flessibile, riciclabile e compostabile destinate a impedire che le materie plastiche diventino rifiuti.

Oggi, però, troppa dell’economia circolare è ancora teoria. Molti dei suoi concetti sono in gran parte non sperimentati. Solo mettendoli in pratica scopriremo quanto sono realistici e come possono essere migliorati per situazioni di vita reale.
SIPA può essere orgogliosa al riguardo. Per molto tempo, l'azienda ha lavorato, da sola e assieme a partners, per sviluppare tecnologie di produzione di contenitori in PET e nuovi design che riducano al minimo l'uso di materia prima ed energia.


SIPA apripista con XTREME Renew

Lo scorso novembre SIPA ha siglato un accordo con il Ministero dell'Ambiente italiano per la riduzione delle emissioni e il miglioramento dell'efficienza energetica nell'ambito delle proprie attività produttive.
In base all'accordo, SIPA analizzerà e migliorerà la sostenibilità di tutte le sue operazioni, identificando le procedure per la gestione ambientale dei prodotti e dei processi utilizzando la valutazione del ciclo di vita e l'identificazione della misura per ulteriori miglioramenti e misure di ottimizzazione in conformità con le norme ISO 14040.
SIPA è la prima azienda nel suo settore a impegnarsi in un progetto completo e coerente per la riduzione del suo impatto ambientale.
Dice Gianfranco Zoppas, proprietario di SIPA e presidente di Zoppas Industries: "Questa è una conferma del nostro impegno a coniugare sostenibilità ambientale e sviluppo economico. Crediamo fermamente che i produttori possano contribuire a fornire un mondo migliore alle generazioni future. "


Bottle-to-bottle

L'accordo nasce dalla recente introduzione di XTREME Renew, il primo sistema integrato al mondo per la produzione di preforme contenenti il 100% di PET riciclato, ma con la stessa qualità delle preforme in PET vergine. XTREME Renew è stato sviluppato in collaborazione con EREMA, la società austriaca specializzata in tecnologie di riciclaggio delle materie plastiche. "XTREME Renew consente di attuare i principi dell'economia circolare", afferma Zoppas.
XTREME Renew è la combinazione sinergica di due innovazioni già di successo: Erema's Vacurema e XTREME di SIPA. Rispetto ai sistemi alternativi per il riciclo di bottiglie in PET usate, utilizza meno energia, crea meno CO2 e costa meno. Un motivo fondamentale è che l'unità XTREME è in grado di elaborare il PET direttamente dal sistema di riciclaggio Vacurema in forma di flakes. Non è necessario trasformare il materiale riciclato in granuli che altrimenti dovrebbero essere raffreddati e quindi riscaldati.
Vacurema utilizza tecnologie innovative per produrre flakes di PET riciclato (rPET) eccezionalmente pulite e ideali per produrre contenitori per alimenti e bevande. In un processo continuo completamente integrato, completamente automatizzato, il materiale fuso va ad alimentare direttamente il rivoluzionario sistema di inietto- compressione rotativa XTREME di SIPA per la produzione di preforme leggere ad alta velocità e ad alta efficienza. Le preforme possono essere più leggere del 10% rispetto alle preforme prodotte su sistemi di produzione a iniezione tradizionali. Il sistema XTREME non è l'unico tra le tecnologie SIPA a essere in grado di elaborare materiale PET riciclato. Anche il sistema XFORM per la produzione di preforme che utilizza un sistema di iniezione più convenzionale può funzionare con il 100% di rPET. XFORM è noto per il suo alto livello di efficienza energetica, nonché per la sua robustezza e versatilità nel poter accettare stampi esistenti di tutti i principali fornitori sul mercato

Implementare la raccolta differenziata

L'imballaggio in PET è già più sostenibile di molte altre forme di packaging, ma, naturalmente, la situazione può sempre essere migliorata. Dobbiamo aumentare anche il tasso di recupero e riciclaggio post-consumo. SIPA sta facendo la sua parte per implementare una catena virtuosa ed è pronta con una tecnologia rivoluzionaria in grado di chiudere il ciclo dell'economia circolare. Non solo è sostenibile al 100%, ma induce innumerevoli vantaggi per l'utente.